Partnership al progetto: Rainbow CGI

Per approfondire il tema funzionale del mio edificio, uno studio di post-produzione cinematografica e di animazione digitale, sono andata a vistare la Rainbow CGI (clicca qui per approfondire). Questa è controllata dal gruppo Rainbow (clicca qui per approfondire), con sede a Loreto, uno dei più grandi studi Europei dedicati alla produzione televisiva e cinematografica d’animazione. Oltre alla creazione e produzione di cartoni animati, il gruppo Rainbow è attivo anche sul fronte della formazione; molti sono, infatti, i giovani che sono desiderosi di entrare in questo mondo “magico”. La Rainbow Academy (clicca qui per approfondire), fondata nel 2011 da Francesco Mastrofini, li aiuta nel loro percorso coniugando formazione e azienda e assicurando loro qualità didattica e professionalità tecnico-produttiva.

Ed è proprio qui, nella Rainbow Academy, che ha inizio il mio viaggio: a guidarmi c’è la gentile Serena Fabiani, General Manager della Rainbow Academy.

Prima di iniziare la nostra intervista, noto il contesto periferico in cui è inserita la loro sede, sulla via Bufalotta, e non posso fare a meno di paragonarlo alla mia area progettuale, Tor Tre Teste. Un contesto periferico può essere un luogo adatto dove far nascere questo tipo di attività?  Dopo aver spiegato brevemente il tema del laboratorio e l’area dove s’inserirà il progetto è la stessa Serena a rassicurarmi: la periferia, essendo lontana dal centro è un luogo ideale perché permette di avere spazi molto più grandi, di nuova costruzione e una buona organizzazione tale da garantire copertura massima per quanto riguarda cablaggi, utenze, potenza elettrica e ampi spazi a disposizione per le varie attività che si svolgono all’interno dello Studio.

Entriamo quindi in una delle loro aule e ha così inizio l’intervista.

Iginio Straffi e le donne
In foto: IGINIO STRAFFI Fotografo: JUREK KRALKOWSKI – FOTOFARM.IT Assistente: COSTANTINO DI DOMENICO

Come nasce il progetto “Rainbow Academy”?
Nasce nel 2011 e il suo CEO (Chief Executive Officer) è Francesco Mastrofini, che è anche l’amministratore delegato di Rainbow CGI. Amministratore unico, invece, è Iginio Straffi, che è anche il fondatore e il Presidente del Gruppo Rainbow. Lo studio, conosciuto soprattutto per l’acclamatissimo “Winx Club” e il film d’animazione “I Gladiatori”, è il più grande studio di animazione in Europa ed ha 11 sedi in tutto il mondo. Oltre alla creazione e produzione di cartoni animati, detiene il dodicesimo posto per la gestione delle licenze nel mondo.

Chi sono i vostri studenti e quali aspettative hanno quando s’iscrivono ai vostri corsi?
Sono ragazzi appassionati di composizione grafica, videogiochi e/o animazione, la cui età è compresa dai 17 – 18 anni ai 30. Molti, per esempio, sono in cerca di una specializzazione post-laurea e vogliono ampliare le loro conoscenze in un ambito più creativo rispetto al loro percorso formativo precedente. Per quanto riguarda le loro aspettative, di certo c’è quella di poter lavorare un giorno nel grande cinema di animazione oppure di collaborare alla realizzazione di film con effetti speciali.

Quanto è importante avere una parte dedicata alla formazione, all’interno di uno studio già avviato?
È indispensabile. In genere quando si opera in ambiti dove l’aspetto produttivo è in continuo fermento, si è portati a concentrarsi soprattutto sull’aspetto lavorativo. Avere una parte dedicata alla formazione, però, è essenziale per avere un continuo rinnovamento. Mettere a disposizione dei ragazzi la possibilità di imparare da persone altamente specializzate, agevola entrambi i fronti: gli studenti hanno l’opportunità di apprendere da individui esperti, con esperienze concrete nel campo, i docenti, invece, sono portati a un continuo rinnovo. Questi, infatti, lavorando con persone sempre fresche, devono aggiornarsi e costruire degli individui di qualità che faranno questo lavoro.

Gli studenti, terminato il loro percorso formativo, hanno la possibilità di lavorare per voi?
Assolutamente sì. Tendiamo a valorizzare soprattutto i ragazzi meritevoli, organizzando, per esempio, degli stage. Al termine del loro percorso, chi decide di entrare in azienda, ha anche la possibilità di avere avanzamenti di carriera. Ad esempio molti di quelli che sono entrati in azienda come Junior o in stage ora rivestono la carica di Mid o di ASenior, che sia per le nostre aziende o per aziende all’estero. Ognuno poi decide anche in base ai propri desideri e capacità. Alcuni dei nostri ex studenti, per esempio, hanno fatto parte del team degli effetti speciali del Libro della giungla, che ha vinto un Oscar.

Parlando invece di chi lavora nel campo sia dell’animazione sia del CGI, come si organizza realmente il processo creativo dietro la magia del digitale?
Non molti sanno che buona parte del lavoro è svolto in pre-produzione. Si parte da una prima sceneggiatura, non molto dettagliata, che viene schizzata e previsualizzata per capire l’idea del film. Se è approvata, ha inizio un primo studio del design sia dei personaggi, sia della scena, fino ad avere uno storyboard, una serie di disegni più dettagliati dove sono indicati i personaggi, le scene e le azioni di macchina. Questo viene poi montato in un movieboard, sempre per avere un’idea visuale del prodotto finito, che contiene già l’audio provvisorio del film. Approvato il tutto, il regista da delle indicazioni di massima ai designer, che andranno a creare il personaggio, il character. Si studia quindi tutto ciò che lo riguarda come reference 2d di texture e luce e ovviamente per ogni cosa c’è un reparto dedicato. Per quanto riguarda la modellazione tridimensionale si fanno prima degli studi bidimensionali sull’oggetto, animale o umanoide, perché andrà modellato solo ciò che apparirà fisicamente nella scena. Il processo di rendering, infatti, è molto lungo e dispendioso.  A questo punto si passa alla parte CG, quella sui software 3d, quindi la creazione dei personaggi completi: modellazione, surfacing e rigging per passare poi alla parte dedicata a tutto quello che si sviluppa temporalmente in scena come animazione, effetti e dinamiche, vfx, illuminazione (lighting), compositing, editing, ecc. Ognuno si occupa di una parte, per esempio nel reparto costruzione dei personaggi ci sono professionisti che si occupano solo della modellazione oppure altri che si dedicano soltanto texture e materiali dei personaggi e degli ambienti, e chi fa solo rigging, cioè si occupa delle espressioni facciali e dei movimenti. Gli effetti speciali, invece, non sempre vengono realizzati in tridimensionale, perché alcune volte il tempo di renderizzazione è molto elevato, quindi vengono aggiunti in post-produzione. In genere c’è uno studio tecnico che decide come fare quel particolare effetto in base ai costi e alla qualità.

Quanto è importante la coordinazione tra i vari operatori di un progetto?
Essenziale. Esiste un reparto di direzione di produzione e assistenza apposito, che si occupa della gestione e dell’organizzazione del 3D, avendo come referenti i supervisori e i direttori dei vari reparti. Ogni reparto ha un responsabile, che con gli altri, in varie riunioni, si coordina sull’andamento generale del lavoro.

Ognuno ha un proprio luogo in cui poter lavorare?
Ognuno ha la propria postazione di lavoro, con software particolari, perché sono differenti in base al tipo di lavoro che deve svolgere. In genere persone che svolgono lo stesso tipo di attività sono nello stesso reparto.

Avete bisogno anche di usare spazi esterni o di un’area dove poter mostrare i vostri lavori, tipo un’area espositiva?
No, abbiamo una sala proiezioni, ma è per uso interno. Per quanto riguarda altri tipi di spazi abbiamo delle sale dedicate al green screen, oppure delle sale dedicate alla realtà virtuale, sala audio e registrazione, l’aula laboratorio di Stop Motion quindi in genere il lavoro avviene all’interno della struttura.

Se aveste la possibilità di ampliare il vostro studio, come lo migliorereste?
Sicuramente amplierei la parte ricreativa, per poter implementare la convivialità, lo stare insieme, che è un aspetto fondamentale per la nostra azienda.

Ringrazio ancora Sabrina Fabiani e la Rainbow CGI per la loro disponibilità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: