Partnership al progetto: Tiziano Tamburri

Continuando la ricerca sul programma funzionale, ho intervistato Tiziano Tamburri, laureando in Architettura e attualmente impiegato per la Pixar Animation Studios (Link).

Come ti sei avvicinato al mondo dell’animazione?
Fin da piccolo nutro una grande passione per il disegno, per le attività creative e tutto ciò che porta a generare qualcosa, che sia nuovo o meno. Proprio per via della mia vicinanza al mondo del disegno, è cominciata negli anni una ricerca forte di quali potessero essere gli strumenti innovativi della rappresentazione, e quando, da adolescente, ebbi la possibilità di utilizzare i primi Personal Computer rimasi colpito da quanto questi strumenti fossero in grado di offrire.  Continue reading “Partnership al progetto: Tiziano Tamburri”

Gli anni dei contesti e dei palinsesti: 1978 – 1987

Gli “anni 80” cominciano con la caduta del muro di Berlino nel 1978, evento che simboleggia la vittoria del capitalismo internazionale sul mito socialista incarnato dai regimi del blocco sovietico. Il 1978, inoltre, è una data cruciale per un altro avvenimento di rilevanza mondiale:  l’elezione al pontificato di un cardinale polacco, Karol Wojtyla, elezione determinante nel processo di accelerazione della crisi del blocco dell’Est europeo a partire dai primi moti di ribellione che si avranno nel 1980 in Polonia. In Italia sempre nello stesso anno, si compie il rapimento e l’uccisione dello statista Aldo Moro: si tratta, allo stesso tempo, del punto più alto, drammatico e visibile toccato dall’ala minoritaria e violenta derivata dal 1968, e l’inizio della sua sconfitta a causa del rifiuto generalizzato degli pseudo valori delle Brigate Rosse. Continue reading “Gli anni dei contesti e dei palinsesti: 1978 – 1987”

Un luogo d’imprinting

In questi giorni ho riflettuto a lungo su quale potesse essere il mio luogo d’imprinting. Ho rievocato nella mente i ricordi confusi dell’infanzia, che sembrano appartenere a un passato ormai lontano, dominato da immagini sfocate e colori indefiniti. Sin da piccola avevo un’immaginazione molto vivace, mi divertivo a mutare la realtà che mi circondava inventando storie e personaggi, ma col tempo realtà e finzione sono diventate un unico caos di suoni, forme e colori. Per esempio, sapevate che sul luogo, dove sorge la mia casa, una volta c’era un antico cimitero romano? E che nel mio giardino si nascondeva la strega di Hansel e Gretel? In questa scatola piena di macchie e di frammenti, però, c’è un luogo che si staglia nitido nella mia mente: il “Vico 12 del Sole”. Continue reading “Un luogo d’imprinting”

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑